OPERE: Spoon River Anthology revisited (by Jag)

Memorie dal Parco
Quattordici

ZAC

Rinaldozdi Stefano Caporali

Mi hanno insegnato che un buon ingegnere,

In Telecom fa le sette tutte le sere.

Così ho bruciato le ferie ed ogni permesso

per compensare i ritardi accumulati all'ingresso.

 

Ma chi avrebbe accettato una multa sulla pontina,

presa per eccesso di velocità con la vecchia pandina?

Anche perchè non ero certo io il reo

e se non mi credete chiedete pure a Forleo.

 

Per questo prese forma in me l'idea

di andarmene in wind e quindi in acea.

 

Ed io che odiavo, da progettista concreto e sensato,

chi spacciava le favole per esigenze di mercato,

proprio a quelli dovetti pagare lo scotto

finendo con loro nel marketing di prodotto.

 

Eppure fu allora che creai la mia rete più geniale

quella che misi nel letto matrimoniale.

Res Romuli: alla memoria

Res Romulidi Fulvio & Stefano

Tempo fa la Telecom me chiama
pe' damme n'istruzione superiore
" te famo fare un corso de tre ore"
vedrai quanto te salira' la fama

 

Cosi' me inviano ad una grande scuola
Che se trova a L'Aquila, in montagna
Un posto realizzato in pompa magna
Ma che sembra soltanto 'na gran sola

 

il fisico certo ha il suo diletto:
c'è un ping pong e puro 'na piscina,
volendo poi fa 'na corsa la matina
e un giro in bici prima d'annà a letto.

 

Ma come il cervello qui se raffini
è una cosa che non ho mai capito:
il professore sembra un rimbambito
e la platea un gruppo di cretini

 

Comunque so partito pe' sto posto
E pe' fortuna nun l'ho fatto a piedi
Ero felice, coraggioso e tosto
Ma me so trovato Irene in mezzo ai piedi

 

Lei stava insieme al gruppo delle reti
studiava gli access point ADSL
ma l'unico obiettivo che te credi
era de porta' a casa due cartelle

 

E a guardà bene c'era puro er sor Paoletto
che a sti corsi lui manco ce se 'mpegna,
ma forse cercava solo 'no zampetto
che dice in abbruzzo so' mejo che in sardegna.

 

Alessandra invece nun l'ho vista
in mezzo a stì studenti seri seri,
e 'sta cosa un poco me rattrista
chè a un "ops" ce se rideva volentieri

 

Ma poi guardando meglio la platea
me so detto: "magari te ricredi"
tutti sedevano ma lei stava in piedi
e malgrado 'sta cosa n' se vedeva

 

E sto lapsus che ogni vorta ritorna
Quanno con voce malsicura e seria
Ha detto ar suo docente: "c'hai le corna"
Ops! Nun pensa' che sia 'na cattiveria...

 

Ma in fondo sono io quello più strano,
quando alzo contento questa mano,
interrompendo la lezione mpò qui mpò lì,
con i miei: "scusi professò ma non è così!"